Salone del Mobile

Salone Internazionale del Mobile

Il Salone Internazionale del Mobile è laboratorio di sperimentazione e contaminazione, luogo di incontro e di nuove opportunità per riflettere sul mondo del design e del progetto.

L’edizione 2024 è in programma dal 16 al 21 aprile 2024, come da tradizione negli spazi di Rho Fiera.

 

nicola boccini arista italiano al salone del mobile 2024

 

Lavabo multimediale ed interattivo
di Nicola Boccini

Gli artisti della luce, i light artists, creano da più di settant’anni, opere d’arte e installazioni
luminose utilizzando materiali di derivazione industriale: lampadine, neon, fili ottici e laser, che al
buio ridisegnano lo spazio e cambiano la nostra percezione della realtà. Per la prima volta, invece,
con Nicola Boccini, la Light Art si lega a materiali artigianali come la ceramica, tecnica e
tradizione della sua Umbria, per unire manualità e originalità alla ricerca e alla sperimentazione.
Nel 2014 presenta la prima opera in ceramica multimediale che interagisce con il pubblico,
Evolution 14.0 formata da 30 pannelli luminosi interattivi. All’interno dei pannelli, Porcelain Veins,
fili, che fanno scorrere la luce dentro la materia ‘vivente’ delle sue installazioni.
Perché in fondo la luce non è altro che una sostanza fluida e vibrante che anima la materia e che da
forma e concretezza a valenze emotive psicologiche e simboliche. Nel 2019 realizza una delle
commissioni più prestigiose della sua carriera: la riproduzione in ceramica multimediale del
Giudizio Universale di Hans Memling per il Museo Nazionale di Danzica. La luce rende visibile il
passaggio delle anime: proiezioni dei volti degli spettatori che passano in un’altra dimensione
celeste.
Oggi, grazie a questo progetto, la ceramica animata dalla luce di Nicola Boccini, crea un lavabo,
elemento necessario al rito quotidiano della pulizia, un cilindro bianco porcellanato avvolto da
rami, che, come bassorilievi, lo circondano.
Sono le radici di un albero, che prendono linfa vitale dalla luce e dall’acqua, un’opera di design che
sembra integrare organicamente natura e tecnologia. All’interno della stanza, il lavabo, con le sue
venature vegetali, diventa un’opera rigenerativa, si riappropria dello spazio, allunga i suoi rami
luminosi e ci avvolge. Nonostante le nostre continue azioni di degrado, la natura trova il modo di
rinascere, non si arrende e ci regala benessere con la luce e la bellezza del mondo naturale.

Dott.ssa Claudia Bottini
Storica dell’arte e curatrice

Comunicato Stampa

terzofoco azienda ceramica

Il volto nuovo della ceramica

 Nicola Boccini new project linfa, multimedia lavabo

 

Salone del Mobile 2024 | Milano Rho Fiera 16-21 aprile

Salone Internazionale del Bagno | Padiglione 6 – Stand C33

 

 

Per la prima volta al Salone del Mobile di Milano, dal 16 al 21 aprile, Terzofoco, ceramic boutique factory di lavabi di lusso, sarà presente, al Salone Internazionale del Bagno, Padiglione 6, Stand C33, con due nuove importanti collaborazioni. Con l’artista e designer Emanuel Gargano che ha disegnato la collezione Lune e con l’artista sperimentale dei processi ceramici Nicola Boccini che ha disegnato il lavabo Linfa.

Collezione Lune | Design Emanuel Gargano

La luna è una delle meraviglie del creato a cui l’uomo ha sempre guardato con ammirazione e ardore, tanto da non poter fare a meno di raggiungerne la superficie e conoscerne il mistero. È noto il legame che la luna stringe con i molti fenomeni della Terra, soprattutto con la natura umana, di cui influenza il corso e l’andamento. La collezione Lune nasce dal desiderio di riportare un frammento di questa magia nella nostra vita quotidiana. Una serie di crateri di materia plasmata a mano che penetrano un piano anch’esso di ceramica da poter toccare oltre che ammirare. L’esile struttura metallica sorregge un piano di ceramica forato dove si innestano tutti gli elementi previsti dalla collezione. Lune è una collezione bagno estremamente versatile, ogni singolo accessorio ha una sua funzione e può essere fornito in varie finiture. L’elemento principale del lavabo ospita al suo interno una calotta semisferica che rimanda alla convessità del satellite e nello stesso tempo occulta la piletta di scarico dell’acqua.

Lune è prevista in quattro dimensioni: modulo da L166xP60xH85cm, modulo da L126xP60xH85cm, modulo da L96xP60xH85cm, modulo da L57xP57xH85cm.

 

Lavabo Linfa | Design Nicola Boccini

Innovativo e unico nel suo genere, il lavabo multimediale Linfa rappresenta un’armoniosa fusione tra forma artistica e funzionalità. Composto da tre parti che si ergono come una colonna, questo studio tra design e arte offre una prospettiva unica sul concetto di lavabo. Ispirato alla maestosità della natura, Linfa accoglie elementi organici che si intrecciano e avvolgono la sua superficie con grazia ed eleganza.
Questo lavabo, realizzato con maestria in porcellana dal light artist e tecnologo della ceramica Nicola Boccini, è un’opera d’arte in sé. Ogni parte e dettaglio sono stati attentamente modellati a mano per garantire spessori differenziati, creando una variazione di traslucidità che permette l’illuminazione interna. I LED comandati da piccole schede logiche, posizionati all’interno dell’intera superficie, offrono una gamma di colori variabile, con la possibilità di interazione per cambiare le tonalità.
Grazie a questa caratteristica, il lavabo rivela venature in rilievo che si sviluppano lungo la sua superficie, offrendo un suggestivo gioco di luci colorate e ombre. Il risultato è un’opera d’arte funzionale che trasforma il semplice atto quotidiano del lavarsi in un’esperienza sensoriale e visiva unica. Con il suo design rivoluzionario, questo lavabo multimediale si distingue come un’icona di innovazione nel mondo dell’arredamento e del design d’interni, rappresentando il connubio perfetto tra creatività e praticità.

Linfa è composto da tre parti sovrapposte che misurano, dall’alto, 15, 25 e 50 cm. Misure totali H90x43 cm.

 

L’azienda

La casa di Terzofoco è a Deruta (PG), borgo situato su una collina che guarda la piana del Tevere, inserito nell’elenco dei borghi più belli d’Italia e, soprattutto, conosciuto in tutto il mondo per la produzione di ceramiche artistiche. A Deruta, infatti, già dal Trecento tutto parla di ceramica: cave, laboratori, artigiani, decoratori. Il nome del brand nasce proprio dall’esperienza e dalla conoscenza della materia: la ceramica di Terzofoco prende vita da tre passaggi in forno, da tre cotture. La materia viene plasmata e poi cotta nel primo fuoco. Quindi smaltata e cotta una seconda volta. Ma è solo il terzo fuoco a fissare per sempre i materiali preziosi che rifiniscono i prodotti. 

Per Terzofoco fare ceramica oggi è attingere al passato guardando al futuro. Terzofoco nasce da questa idea: il bagaglio di conoscenze e l’esperienza secolare non possono prescindere da innovazione, sviluppo, tecnologia. E senso del bello. Come un tempo, con uno sguardo nuovo.

Oggi Terzofoco è guidata da Alessio Scacaroni, che vanta una lunga esperienza nel mondo della ceramica.

Ogni singolo pezzo Terzofoco attinge alla sapienza artigianale di chi lo produce e alla sua profonda conoscenza della ceramica. Le proposte si differenziano per lo studio dei dettagli e per le tecniche utilizzate, tanto da poter proporre prodotti per il bagno unici, customizzati, pensati per dare all’ambiente il valore della personalizzazione. Porcellana, Raku Clay, Fire-clay, gres porcellanato: non ci sono limiti alla scelta degli impasti, delle tecniche, né delle finiture.

Ufficio stampa

Bruna Biagioni
LaBru Comunicazione
Mail: press@brunabiagioni.it