Italia a Muscat


Warning: preg_match(): Compilation failed: invalid range in character class at offset 34 in /home/boccini3/public_html/wp-content/plugins/nextgen-gallery/products/photocrati_nextgen/modules/nextgen_basic_tagcloud/package.module.nextgen_basic_tagcloud.php on line 183

Warning: preg_match(): Compilation failed: invalid range in character class at offset 35 in /home/boccini3/public_html/wp-content/plugins/nextgen-gallery/products/photocrati_nextgen/modules/nextgen_basic_tagcloud/package.module.nextgen_basic_tagcloud.php on line 183

Invito e Programma

Invito mostra d'arte e conferenza oman

Articoli

Conferenza

Oman Times Nicola Boccini

The cultural exchange, which took place at Bait Al Zubair, featured three speakers each from Oman and Italy. Photo — Shabin E./Times of Oman

MUSCAT: Artisti della ceramica ed esperti provenienti dall’ Italia e Oman hanno condiviso le loro idee e conoscenze in un seminario che si è concluso Lunedi sera dal titolo Italy in Muscat cultural exchange (l’Italia a Muscat scambio culturale).
L’evento, che ha avuto luogo presso il museo Bait Al Zubair, è stato caratterizzato da tre artisti  per ogni stato che hanno parlato su diversi aspetti della ceramica, dalla storia alle applicazioni moderne/contemporane.
“I migliori risultati dell’arte sono stati raggiunti attraverso lo scambio culturale”, ha detto il Dott Marco Bellucci, consigliere comunale del Comune di Gubbio, Italia, dove gli artisti provenienti dall’Oman e dall’Italia hanno lavorato insieme l’estate scorsa in Umbria.
Il Ceramista italiano e storico dell’arte Marino Moretti ha parlato delle influenze del mondo islamico sulla ceramica europea.
Molte tecniche persiane e gli stili sono stati adottati dai ceramisti italiani e francesi originari del Medio Oriente, come l’uso del bianco come base per la pittura su ceramica ha detto: “E ‘stata una introduzione rivoluzionaria. Gli artigiani dipingono su una superficie bianca (maiolica) per la prima volta, invece di dipingere su terracotta”, Moretti ha detto.
il ceramista dell’Oman e docente SQU, il dottor Al Badar Mamari, ha presentato una panoramica della storia della ceramica nel Sultanato dell’Oman. Creatività e design sono le caratteristiche dei lavori che risalgono fino a 1200 AC. “Stavano pensando a come essere artistici”.
Mentre per secoli gli stili in Oman sono rimasti simili e tradizionali, negli ultimi 20 anni c’è stata una esplorazione della ceramica a causa di istituti di istruzione e dell’arte, i ceramisti hanno provato nuovi stili e design.
“Spinge davvero i ceramisti dell’Oman. E’ora il momento di sviluppare una nuova ceramica in Oman,” ha detto Nicola Boccini, artista ceramica  e innovatore italiano, ha introdotto al pubblico la sua città natale, Deruta, che dispone di circa 200 fabbriche di ceramica, nonostante la sua popolazione di appena 4000 persone. Ha anche parlato di come la ceramica è utilizzata in molti settori, tra cui quello aerospaziale, automobilistico, odontoiatrico e anche la moda.
Il tutto si concluderà con una mostra d’arte ceramica con artisti italiani e omaniti al museo Bait al Zubair.


Articolo Italia in Oman

 


articolo del museo bait al zubair Oman


 

times of oman nicola boccini artista internazionale


 

Seminar on ceramic art held at Bait al Zubair Museum – Oman

The seminar was based on an exhibition at Bait al Baranda Museum – which closes on Wednesday – of select works by six Omani artists and six Italian artists, who spent two weeks together in Italy last summer exchanging art techniques, styles and visions on ceramic art.


 

 

Immagini